Saltar al contenido

Casio Celviano AP-470: recensione, caratteristiche e opinione

Il Casio AP-470 è un pianoforte digitale fresco della linea Celviano, una linea di strumenti che comprendeva il precedente AP-460.

In questo articolo, mi immergerò in quello che ci si può aspettare dalla AP-470, e cercherò di aiutarvi a determinare se questo è un pianoforte digitale degno del vostro tempo e del vostro denaro.

E, per aiutarvi meglio in questa decisione unica, vi prego di usare la guida interattiva qui sotto per confrontare direttamente il Casio AP-470 con altri pianoforti digitali degni di nota sul mercato.

Il tocco e il suono della AP-470

Casio Celviano AP-470

Ogni volta che siete sul mercato per un nuovo digitale, una delle prime cose che probabilmente cercate sono il suono e la risposta al tocco.

L’AP-470 utilizza la sorgente sonora AiR. Questo vi porterà suoni realistici ogni volta che battete i tasti, e anche in questo caso noterete una risonanza avanzata e simpatica delle corde.

Il pianoforte dispone anche di 256 note di polifonia, il che naturalmente significa che tecnicamente è possibile suonare 256 note contemporaneamente. Questo sarà fantastico quando inizierete a suonare brani musicali più complessi, perché ora non dovrete più preoccuparvi del decadimento delle note e della mancanza di profondità e corpo della vostra musica.

Va notato, inoltre, che l’AP-270 ha 192 note di polifonia, mentre il Casio AP-470 alza questo numero a 256.

Una cosa che è anche molto bella è che c’è un coperchio sulla parte superiore del mobile del pianoforte che si apre. Una volta aperto, noterete che il sistema di altoparlanti è ora esposto, dando al pianoforte un aspetto davvero elegante ma anche molto pratico.

Con il suono che sale verso l’alto attraverso la parte superiore del pianoforte (e il coperchio, niente di meno), vi accorgerete che il suono avvolge davvero il pianista.

Le chiavi della Casio Celviano AP-470

Parliamo ora delle chiavi della AP-470. Qui, si ottiene un Tri-Sensor Scaled Hammer Action tastiera, che ha un’azione che si sente molto reattiva al tatto.

Si ottiene anche una sensazione di ebano e avorio testurizzato ai tasti, che aiuta le dita ad afferrare meglio i tasti. In realtà, se guardate attentamente i tasti, noterete che la texture è molto più compatta: potrete vedere che ci sono quasi delle piccole scanalature all’interno dei tasti.

Si tratta di una caratteristica davvero fantastica (e certamente attesa a questo prezzo, che è di circa 1.200€) perché se le mani tendono a sudare mentre si gioca, la sensazione di texture aiuterà la vostra capacità di ottenere una migliore presa durante il gioco, riducendo la probabilità che le dita scivolino via dai tasti.

Oltre a questo, è importante notare che l’obiettivo è quello di simulare l’aspetto e la sensazione di un pianoforte a coda da concerto, che naturalmente ha quell’aspetto di legno testurizzato ai suoi tasti.

Toni a bordo per il Casio Celviano AP-470

Il Casio AP-470 dispone di 22 toni a bordo. Ed è molto semplice passare da un suono all’altro utilizzando l’app, anche se si può certamente scegliere di utilizzare le manopole di bordo dello strumento.

Il Grand Piano 2 è davvero un bell’esemplare sull’AP-470. E come detto un po’ prima, si può far sì che il suono del Grand Piano sia un po’ più pastoso o nostalgico all’orecchio, oppure si può far sì che il suono sia un po’ più brillante e felice. Questo è uno dei tanti vantaggi dell’utilizzo di un pianoforte digitale: è possibile personalizzare il suono a proprio piacimento.

Come per molti pianoforti digitali, è possibile stratificare i suoni con l’AP-470. Quindi, se lo si desidera, si può stratificare il pianoforte elettrico degli anni ’80 su corde o organi o sul vibrafono.

E l’applicazione Chordana Play vi permetterà di controllare anche i livelli tra questi suoni stratificati.

Funzione di registrazione sul Casio Celvano AP-470

Una caratteristica molto importante per un pianoforte digitale, a mio parere, è la capacità di poter registrare ciò che si suona. Questo è particolarmente utile se si sta ancora imparando a suonare il pianoforte, poiché riascoltare ciò che si è appena suonato può aiutare meglio a individuare eventuali errori commessi in modo da poterli correggere rapidamente.

Fortunatamente, l’AP-470 ha una funzione di registrazione. Potete anche controllare questa funzione tramite l’app – basta andare nell’impostazione appropriata, e noterete un grande cerchio rosso. Una volta premuto quel pulsante, l’app inizierà a registrare ciò che si suona al pianoforte.

Potete salvare la registrazione su un iPad o un telefono e riprodurla quando siete pronti. E una volta fatto questo, noterete che il suono uscirà dagli altoparlanti del pianoforte, permettendovi di ascoltare la registrazione abbastanza bene (grazie all’amplificatore da 20W + 20W del pianoforte).

Usa l’applicazione Chordana Play

One cool thing you can do with the Casio AP-470 is link it up with the Chordana Play app.  This Casio app allows you to learn how to play your favorite songs in a fun and interactive way.

The app is available for iOS and Android, and you simply connect your device (such as an iPad, for instance) to the back of the piano via a USB cable.  

The app does with 50 built in songs, but you can also add MIDI files, as well.  And what’s especially nice is that the app will create a music score from your MIDI file.  And since it’ll detect the chords, you’ll find that learning to play some of your favorite songs has never been more interactive and enjoyable.  

The Chordana Play app works with both a tablet as well as a smartphone.  

The app let’s you control other functions of the piano as well, such as the Metronome.  You can also use the app to control effects—so if you want to make the piano sound come across more upbeat or bright, you can do that.

Conclusione

Usare il Casio AP-470 è un’esperienza meravigliosa. Ma la ciliegina sulla torta di questa domenica è la flessibilità che questo pianoforte ha quando lo si collega all’applicazione Chordana Play, che permette non solo di imparare meglio come marcire a suonare il pianoforte, ma anche di controllare le impostazioni dei tasti e le caratteristiche all’interno dello strumento.